Spagna
        

Pubblicato su 18 aprile 2018 |
                 di Andrea Guerriero

Camminando per il Cammino di Santiago, una rete di antiche vie di pellegrinaggio era considerata una volta una via di penitenza. I fedeli speravano che questo fosse un modo per ottenere il perdono per i loro peccati. Oggi alcuni camminano su queste strade di pellegrinaggio in cerca di crescita spirituale, ma molti sono quelli che cercano semplicemente un'avventura, alla maniera di Bilbo Baggins. Qualunque sia la ragione di qualcuno dietro a Cammino, è certamente un'esperienza che cambia la vita. Tutte le strade del Camino de Santiago conducono alla Cattedrale di Santiago de Compostela nella Spagna nordoccidentale. È uno dei luoghi più sacri del cristianesimo, ritenuto il luogo di riposo finale dell'Apostolo San Giacomo il Grande. Dal IX secolo in poi, quando sono stati scoperti i resti di San Giacomo, questo pellegrinaggio è stato molto popolare. Milioni di persone hanno percorso i vari sentieri del Camino de Santiago fino ad oggi.

La parola "camino" significa "percorso" o "viaggio". E anche se raggiungere la tomba di St. James è l'obiettivo principale del camino, arrivare lì è ciò che conta davvero . Fino ad oggi, ci sono quelli che credono che i caminos siano la loro via per la salvezza – ma il Cammino di Santiago non è più semplicemente una via di pellegrinaggio. Quando viene chiesto, la maggioranza delle persone afferma di non camminare per motivi religiosi. Alcuni di loro sono escursionisti o appassionati di ciclismo, mentre altri sono semplicemente desiderosi di allontanarsi dallo stress che la vita moderna regge per tutti noi. Il Camino offre una miscela unica di storia, sia cristiana che secolare, cultura, cibo e soprattutto – una strada apparentemente infinita che può portarti ovunque tu voglia.

Itinerari a Santiago de Compostela

Ci sono dozzine di Percorsi Camino de Santiago disponibili per un escursionista avido. Molti credono che il guscio di pettine sia diventato un simbolo così riconoscibile del Camino proprio perché le sue linee individuali simboleggiano questi percorsi. Alcuni di loro sono più popolari di altri, ma la popolarità di un percorso non garantisce una buona esperienza. Tutto dipende da cosa stai cercando. Gli itinerari possono andare da un centinaio a un paio di centinaia di chilometri, e sarebbe impossibile elencarli tutti in dettaglio qui. Dovresti sapere che può portarti da una settimana a due o tre mesi per arrivare alla tua destinazione finale, a seconda della scelta del corso.

Il Camino Frances o il French Way è il più popolare, a partire da St Jean Pied du Port in Francia. Quando le persone parlano del Camino, hanno più spesso in mente questo percorso. Grazie alla sua immensa popolarità, avrai la possibilità di incontrare persone di ogni ceto sociale sulla strada per Compostela. Ricorda che questo non è il percorso per gli escursionisti che cercano un po 'di solitudine.

Il Camino Ingles ha in realtà due punti di partenza: i porti La Coruna e Ferrol. Tuttavia, La Coruna si trova a soli 75 chilometri da Santiago, e per ottenere un certificato di Compostela, un pellegrino deve percorrere almeno 100 chilometri. Questo è uno dei motivi per cui spesso scelgono Ferrol, situato a 118 chilometri da Santiago, come punto di partenza. Le origini di questo percorso possono essere fatte risalire al 12 ° secolo. Un tempo serviva come accesso principale per i pellegrini che arrivavano dalla Gran Bretagna o dai paesi nordici in barca. Se stai cercando un'esperienza solitaria, il Camino Ingles potrebbe essere il percorso perfetto per te.

Se ti piacciono le sfide e stai cercando una vista sul mare, prova il Camino del Norte. Inizia nella città di Bilbao e corre lungo la costa basca. Questo itinerario è riservato agli escursionisti esperti. Rispetto agli altri percorsi, è più scenografico e puoi persino immergere i piedi nel mare, ma tieni presente che non è adatto per i principianti.

Un diverso tipo di vacanza

Quando prenoti una vacanza, le persone di solito cercano la sdraiata sulla spiaggia e dormono in una sorta di sistemazione. E mentre non c'è assolutamente nulla di sbagliato in questa scelta, camminare per due settimane ti ricaricherà in un modo che il mare non può. Trascorrere le vacanze sul Camino de Santiago consiste nel camminare e non molto altro. Non suona rilassante. Tuttavia, il Camino offre ciò che altre destinazioni non fanno: l'esperienza. Questo tipo di vacanza non richiede preparazione fisica, contrariamente a quanto si crede. E mentre potrebbe essere difficile per il tuo corpo per i primi giorni, sarai sorpreso di quanto velocemente il tuo corpo si adatta al camminare. Dopotutto, è quello per cui è stato realizzato.

Il Camino non è una gara. Trova il tuo ritmo e attenersi ad esso. Ricorda quello che ho detto su alcuni paragrafi: non è la destinazione, è il viaggio . E qualunque percorso tu scelga, il viaggio sarà magnifico: le vedute dei Pirenei innevati, dei boschi di eucalipti, delle verdi colline della Galizia o di molti pittoreschi borghi marinari ti faranno andare avanti. Sono un ottimo antidoto alla vita stressante da cui sei partito. Trascorrere del tempo con te stesso (anche se stai viaggiando in gruppo) ti darà il tempo e il luogo per pensare alla tua vita di tutti i giorni da una nuova prospettiva. La tua mente si aprirà a nuove possibilità, e le cose che impari e le persone che incontri incideranno sulla tua mentalità quando tornerai a casa.

Una volta completato il Camino, andrai a casa con un sentimento di realizzazione e un rinnovato rispetto per te e il tuo corpo. Non è qualcosa che altre vacanze possono offrire.
Certamente non è una vacanza normale, ma ne vale sicuramente la pena. Probabilmente avrai momenti miserabili, sia fisicamente che emotivamente. Ma ne varrà la pena, una volta che si svolta l'ultima curva sulla strada per Compostela.

Tag: folclore


Informazioni sull'autore

Andrea Guerriero Ciao, sono Andrea, blogger di viaggi, programmatore web, apprendista seo e fotografo dilettante con base a Milano. Amo leggere, amo la musica. Amo viaggiare ma solo se partirò per una missione! Ho viaggiato in gran parte d'Europa e mi piace scriverne. Amo la fotografia, soprattutto come modo di documentare esperienze, luoghi, eventi. La mia fotocamera Nikon D300 è sempre con me e mi aiuta a condividere la mia vita con il resto del mondo. Entrare in contatto con persone nuove, stili di vita diversi e tradizioni straniere, e scrivere su di esso, è tutto ciò che posso chiedere.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *